Come funziona il sistema dei buoni lavoro per il lavoro occasionale compatibile con la cassa integrazione

La disciplina relativa al lavoro occasionale accessorio è stata oggetto di modifiche per opera della recente Riforma del lavoro, chiarite dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali oltre che da alcune recenti circolari Inps.
 
La Legge considera prestazioni occasionali accessorie quelle di natura occasionale che non diano luogo a compensi superiori a 5.000,00.= euro annui (6.666,00.= euro lordi), calcolati avuto riguardo al totale dei committenti.

La Riforma ha stabilito un altro limite, che il compenso percepito da ogni singolo committente (commerciale o professionista – esclusi gli agricoli e i committenti privati) non può superare i 2.000,00.= euro annui (2.666,00.= euro lordi).
Il superamento di tali limiti ha come conseguenza la trasformazione del contratto di prestazione occasionale accessoria in un rapporto lavorativo di natura subordinata a tempo indeterminato, ovviamente con l’applicazione delle relative sanzioni civili e amministrative, pertanto si consiglia di far firmare una dichiarazione al lavoratore indicando i voucher percepiti nel periodo precedente.
 
 

I buoni lavoro possono essere acquistati presso i rivenditori di generi di monopolio abilitati.
 
La procedura, semplificata, si articola nelle seguenti fasi:
 
  1. 1. Acquisto dei buoni lavoro da parte del datore di lavoro presso un tabaccaio autorizzato fino ad un importo pari a 2.000 euro presentando la tessera sanitaria. In caso di acquisto tramite delegati (es. società), il datore di lavoro deve preventivamente presentare apposito modulo SC53 (allegato) presso la sede INPS competente.
  2. Dichiarazione di prestazione lavorativa a cura del datore di lavoro prima dell'inizio dell'attività lavorativa attraverso:
  • Contact Center INPS/INAIL - n. verde 803164 Servizio attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 20.00 ed il sabato dalle ore 8.00 alle ore 14.00
  • Sito www.inps.it – servizi online – prestazioni occasionali di tipo accessorio
  • Sede INPS
 
 
 
 
La comunicazione di inizio prestazione deve contenere:
 
  1. Codice fiscale del datore di lavoro
  2. Tipologia di attività e di committente
  3. Nome, cognome, codice fiscale del lavoratore
  4. Luogo in cui si svolge la prestazione
  5. Date di inizio e fine prestazione.
 
La comunicazione assolve la funzione di dichiarazione di inizio prestazione all’INAIL ed evita l'applicazione  della maxisanzione per il sommerso (L. n. 183/2010).
 
Le variazioni relative alla prestazione lavorativa possono essere effettuate:
  1. Prima del giorno dell'inizio della prestazione attraverso il sito www.inps.it, Contact Center o le sedi INPS
  2. Il giorno stesso in cui sarebbe dovuta iniziare la prestazione attraverso Contact Center e sedi INPS
  3. Successivamente al giorno in cui sarebbe dovuta iniziare la prestazione presso le sedi INPS
 
Riscossione dei buoni da parte del lavoratore presso i tabaccai abilitati presentando la tessera sanitaria:
 
  1. A partire dal secondo giorno successivo alla data di fine prestazione
  2. Per un importo massimo di 500 euro per atto di riscossione
  3. Entro un anno dal giorno di emissione dei buoni
Share

NOTA: Alcuni contenuti di questa pagina sono interessati dalle modifiche introdotte dalla cd. "Riforma Fornero" (Legge 28 giugno 2012, n. 92) in vigore dal 18 luglio 2012. Questa pagina di Cassa Integrazione è in aggiornamento e la presente nota verrà rimossa ad aggiornamento completato.



Aggiungi commento

Consenso trattamento dati personali (D.Lgs 196/03)

Powered by Differens S.r.l - P.IVA 02359160427 - Privacy - Terms&Conditions
Per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
OK