Mobilità

Con il termine mobilità si indica il licenziamento collettivo che il datore di lavoro o l'azienda può adottare in presenza di specifiche condizioni, previste dalla legge 223/91.

Le aziende che possono chiedere la mobilità per riduzione di personale, trasformazione di attività o di lavoro, oltre che per cessata attività o fallimento, devono avere avuto mediamente più di 15 dipendenti nei 6 mesi precedenti la domanda. Di norma, la mobilità può essere chiesta al termine dell'’utilizzo della cassa integrazione speciale.

Non possono essere posti in mobilità i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato, gli apprendisti, i lavoratori che svolgono attività stagionali, quelli che hanno diritto alla pensione di anzianità, i titolari di assegno di invalidità possono optare per l’assegno o per la mobilità. Le imprese devono preventivamente informare le rappresentanze sindacali aziendali. L’informazione deve riguardare i motivi che impediscono l'adozione di strumenti alternativi al licenziamento.

Il datore di lavoro al termine della procedura deve individuare i lavoratori da collocare in mobilità, in relazione alle esigenze tecnico produttive dell'’azienda. Dopo la messa in mobilità, il lavoratore viene iscritto in un'apposita lista che gli garantisce un accesso al lavoro agevolato.

L’indennità è pari al trattamento di cassa integrazione e cioè l’80% dello stipendio lordo fino ad un tetto massimo che viene stabilito di anno in anno a secondo dell'’andamento del costo della vita. Il lavoratore viene sospeso dalla mobilità quando viene assunto a tempo determinato o a tempo parziale, mentre viene cancellato dalle liste di mobilità quando viene assunto con contratto a tempo indeterminato.

Con la Riforma del Lavoro Fornero (Legge 28 giugno 2012, n. 92) la mobilità è fino al 2016
 
I commi 70 e ss. prevedono l’abrogazione di tutte le disposizioni di cui alla legge n. 223/91 riguardanti l’indennità di mobilità.
 
L’effetto abrogativo peraltro si realizzerà solo a partire dal 1° gennaio 2016, in quanto sino ad allora si applica il regime transitorio di graduale riduzione (v. par. “Indicazioni operative”).
 
La mobilità, che per i lavoratori over 50 del sud Italia può durare fino a 4 anni, subentra alla conclusione della cassa integrazione straordinaria, e ha importi corrispondenti ad essa per il primo anno, e dell'80 per cento per gli anni successivi. Verrà abrogata dal 1° genaio 2016 per essere sostituita dall'Aspi. 
 
Si segnala peraltro che il legislatore, al comma 64 ha mantenuto sia pure in via transitoria la possibilità per il 
Ministro di concedere trattamenti di mobilità (e di integrazione salariale in deroga).

 

Share

NOTA: Alcuni contenuti di questa pagina sono interessati dalle modifiche introdotte dalla cd. "Riforma Fornero" (Legge 28 giugno 2012, n. 92) in vigore dal 18 luglio 2012. Questa pagina di Cassa Integrazione è in aggiornamento e la presente nota verrà rimossa ad aggiornamento completato.



Commenti  

 
#21 jacoba 2014-01-14 09:16
Salve,la ditta mi ha appena comunicato la chiusura, in questo momento i sindacati stanno trattando per poi arrivare alla mobilità, nel frattempo però noi lavoratori che siamo a casa che possiamo fare? ci conviene cominciare a mandare a giro il nostro curriculum?
grazie
andrea
 
 
#20 Robin Hood 2013-09-20 10:21
Muovetevi a pagare gli arretrati, altrimenti la gente non ha nemmeno i soldi per mangiare! Vergogna!
 
 
#19 CAT 2013-05-18 07:58
Per la cassa in deroga si aspettano 4-5 mesi la liquidazione dell'importo . Essere tesserati aiuta!
 
 
#18 Batman 2013-05-01 16:07
Volevo porre una domanda riguardo la mobilità ma vedo che tutti domandano qualcosa ma nessuno caga ciò che scriviamo diciamo un po' come i politici
 
 
#17 alberto 2012-06-04 14:16
buongiorno, io sono stato assunto un anno fa' e provenivo dalle liste di mobilita' ,vorrei sapere se oggi l'azienda per cui lavoro mi puo' mettere in cassa integrazione anche se sta' usufruendo delle agevolazioni prevista per chi assume dalla mobilita', grazie
 
 
#16 alberto 2012-06-04 14:16
buongiorno, io sono stato assunto un anno fa' e provenivo dalle liste di mobilita' ,vorrei sapere se oggi l'azienda per cui lavoro mi puo' mettere in cassa integrazione anche se sta' usufruendo delle agevolazioni prevista per chi assume dalla mobilita', grazie
 
 
#15 marco 2012-04-27 18:41
salve sono in cigs da gennaio ma nn ho ancora avuto alcuna comunicazione per la ricezione dei soldi
qualcuno sa quanto tempo passa....
perche sono gia passati 4 mesi grazie
 
 
#14 veronica 2012-03-21 16:46
salve,vorrei sapere quanto tempo bisogna aspettare per ricevere lo stipendio dopo che una persona è in cassa integrazione.
ringrazio per un' eventuale risposta.porgo cordiali saluti.
 
 
#13 ARNO GAETANO 2012-03-14 16:03
Salve, sono in mobilità in deroga da circa due anni; volevo sapere... esiste la possibilità di ricevere una integrazione economica oltre alla mobilità se per esempio presto servizio presso un ente pubblico, x esempio il comune? e se si, sono previsti dei fondi regionali o europei dai quali fare domanda e attingere oppure sono soldi che il comune deve integrare? grazie.
 
 
#12 Antimo serpico 2012-02-24 21:12
buonasera, sono un operaio del trasporto assunto nel gennaio2011 con legge223, per licenziamento collettivo dell' azienda precedente, nel maggio 2011 sono stato collocato in cassa integrale straordinaria volontaria,fino al 31/07/2012, nel frattempo la mia azienda sta cedendo del lavoro ad un altra azienda, con alcune unita' lavorative, puo cedermi essendo un lavoratore della 223, ed inoltre poteva collocarmi a cassa integrale essendo gia assunto con la 223. grazie attendo risposta.
 

Aggiungi commento

Consenso trattamento dati personali (D.Lgs 196/03)

Powered by Differens S.r.l - P.IVA 02359160427 - Privacy - Terms&Conditions